articolo precedente
articolo successivo

Diario

Parliamo di moda con Cristiana Rivellino Santella

5 maggio 2015,

di Stefano Ronchetti,

letto 2670 volte.

cristiana rivellino santella

Qualche giorno fa, durante un incontro di lavoro presso il nostro studio di Roma, ho avuto il piacere di conoscere Cristiana. Lei è una giovane Fashion Stylist, con un eccellente curriculum che da tempo lavora nel settore della moda. Così è nata una piacevole chiacchierata sulle mutazioni stilistiche, se mai a suo giudizio ce ne sono state, derivanti o scaturite da questa lunga crisi economica che ancora non vede la fine. A Cristiana ho chiesto un suo punto di vista, professionale e personale, sulle tendenze attuali e su come gli accadimenti economici possano avere avuto una sorta d’incidenza sul mutamento stilistico. E Cristiana mi ha risposto così:

 

“Non è semplice tracciare un profilo sulla mutazione degli stili in questi anni di crisi, così delicati sotto tanti punti di vista. Ritengo che la diffusione delle tendenze e delle mode sia nettamente più immediata rispetto, ad esempio, a soltanto dieci anni fa. Il tutto è reso possibile grazie a internet e, nello specifico, non tanto ai blog, quanto i social network, che riescono a divulgare, con una velocità e semplicità disarmante, molto più di un qualunque manuale, o dei canonici mezzi di comunicazione. La trasversalità di questi contenuti arriva indistintamente ad un’ampia fascia di utenza, che va dai 14 ai 45 anni e, soprattutto, i contenuti sono creati da utenti della stessa fascia di età.  E’ molto interessante, quindi, lo sviluppo e il risultato finale dell’incrocio di queste informazioni. Del resto abbiamo tutti una precisa idea dello stile anni ’70, piuttosto che di quello anni ’50, fino ai ’90. E poi? Dagli anni 2000, in questi ultimi 15 anni, non possiamo parlare di un vero e proprio stile, ma di una mescolanza di generi e di mode; il che è sicuramente molto interessante da un punto di vista antropologico e sociologico, ma anche disarmante se si pensa che si è arrivati a non personalizzare più i propri outfit, ma a mescolare senza criterio ciò che viene proposto, senza avere idea del perché di tali abbinamenti. In definitiva, sono convinta che noi professionisti del design dobbiamo essere molto attenti nel monitorare la nascita di specifici movimenti e trarre spunto positivo per i nostri elaborati. In fin dei conti le mode rappresentano le modalità comunicative di esigenze pratiche ed emozionali; una volta percepite, possono essere elaborate, modificate o cavalcate per dar vita a progetti che nascono con una sostanziale dose di riuscita”.

 

Ho trovato la risposta di Cristiana molto interessante, anche perché lei rappresenta due sostanziali punti di vista: professionale e personale (quest’ultimo in qualità di target giovane). Così mi sono venuti spontanei due ultimi quesiti e a Cristiana ho chiesto che tipo di orientamento stilistico ipotizzava, nell’immediato futuro, e se il settore della moda, a suo giudizio, era ancora in grado di dettare i canoni di riferimento, quanto meno in tema di cromatismi e di decori, per gli altri settori come fino ad oggi è avvenuto.

 

“In tema di nuovi e futuri stili immagino e spero che si possa andare verso una direzione più discreta, con forme più lineari e morbide, ma soprattutto credo nella personalizzazione dei trend e non più in un appiattimento generale. Più che la moda in sé ritengo che i quaderni tendenza saranno un valido punto di riferimento per i vari ambiti, dalla moda al design. Ma la vera e costante ispirazione resta sempre la strada, la provincia, le azioni quotidiane.”

 

Ritengo che Cristiana sia perfettamente in linea con lo spirito e la filosofia della Concerto Comunicazione, una realtà che si struttura anche grazie a talenti in grado di vedere lontano ma, soprattutto, capaci di percepire quanto di nuovo è possibile fare.

 

Cristiana Rivellino Santella

Fashion Stylist / Image Consultant / Art Director

Fondatrice della rivista on line “Cosebellemagazine.it”

Per scrivere a Cristiana:

info@concertocomunicazione.it

 

Foto di Cosimo Paiano

Autore del post

Articolo scritto da Stefano Ronchetti

A Stefano Ronchetti, ideatore e fondatore della CONCERTO, è affidata la Direzione generale ed il coordinamento del gruppo. Un professionista con un’importante esperienza...

Vedi anche...

Torna al diario